Chi siamo

La Cooperativa Margherita gestisce un centro occupazione e di socializzazione per giovani portatori di handicap mentale.

Nell’ambito delle nostre attività riveste uno spazio di grande importanza il laboratorio teatrale: un percorso artistico ed educativo particolarmente coinvolgente che dal 1999 fino ad oggi ha consentito ai ragazzi di esprimersi, di approfondire la conoscenza di se stessi, di migliorare l’autonomia personale e di valorizzare capacità e attitudini che altrimenti rimarrebbero nascoste.  All’interno della struttura, ampliata e ristrutturata, è stato creato oggi uno spazio teatrale, denominato “ALLINCONTRO” con lo scopo di dare maggiore sviluppo e valore al laboratorio teatrale interno alla Cooperativa che coinvolge 19 ragazzi disabili…

Il nostro obiettivo va oltre, vuol essere ancora più grande, più ambizioso. Vogliamo creare un luogo all’interno del quale l’attività teatrale sia il centro, ma al tempo stesso il traino e il collettore di tutte quelle arti e quelle attività che vanno oltre le etichette e le rigide classificazioni. Un teatro sociale e di impegno civile, che sia politico e non si accontenti delle semplificazioni ma voglia arrivare in profondità, che sia una proposta formativa, che riscopra il concetto di educare, che voglia raccontare, ricercare e scoprire, che sia contro e a favore, che sia insieme e solo per noi stessi. Questo nuovo spazio vuol essere un luogo di scambio e di incontro fra realtà e sistemi di vita, fra modi di pensare e dimensioni che si tende a tenere separate: il mondo reale e quello fantastico e immaginario, la regola ferrea e lo spirito di trasgressione, il singolo e il gruppo, il corpo e la mente, il cuore e la mente, l’inconscio e la razionalità, il diverso e il normale. Il progetto nasce con la finalità di favorire la nascita di una nuova cultura dell’integrazione attraverso l’arte, in particolare quella teatrale, in ogni ambito della società.

Gli obiettivi che ci siamo prefissati sono vari ed ambiziosi e proprio per questo portatrici di sfide stimolanti e cariche di affascinanti suggestioni: promuovere le numerose esperienze teatrali, artistiche ed espressive che coinvolgono i disabili, fuori e all’interno delle cooperative, incoraggiare la collaborazione e il sostegno fra le diverse realtà cittadine operanti nel campo del sociale, migliorare la formazione espressiva, la conoscenza e le competenze specifiche degli operatori del settore, diffondere la conoscenza del mondo dell’handicap e del disagio sociale al di là di pregiudizi e luoghi comuni, stimolare un confronto aperto fra tutti coloro che operano nell’ambito della disabilità e della formazione giovanile attraverso lo sviluppo e la diffusione di ogni forma artistica ed espressiva, stabilire una collaborazione con le istituzioni locali (sociali e politiche) ad un livello nuovo, più ampio e più diretto.